Soffre e fa soffrire i suoi tifosi la SIECO Service Impavida Ortona, prima di agguantare quei due punti che sanciscono l’ufficialità della salvezza matematica. Al PalaJacazzi di Aversa va in scena il recupero della prima giornata di ritorno della Pool B, originariamente in programma sabato 3 marzo e poi non disputata per impraticabilità di campo.

È una partita delicata, in palio c’è molto per entrambe le formazioni con i padroni di casa alla ricerca di una vittoria piena che le permetterebbe di alimentare ancora il sogno di disputare i Play-off promozione in SuperLega e con gli ortonesi a caccia di punti per chiudere la pratica salvezza con due giornate di anticipo. Nelle prime battute di questo importantissimo match, l’equilibrio regna sovrano. La SIECO commette qualche sbavatura in fase difensiva così come gli avversari e si gioca dunque punto su punto. È dalla metà del primo set che l’incontro cambia. La SIECO ingrana e colpisce una Sigma Aversa incapace di costruire un gioco che possa impensierire gli ortonesi. Così i bianco-azzurri guadagnano un discreto vantaggio che assicurerà la vittoria del set nonostante un ritorno di fiamma da parte degli aversani che nel finale superano e “rischiano” di beffare la SIECO che la spunterà ai vantaggi. Il secondo parziale può considerarsi per la prima parte una fotocopia del precedente. Ortona che spezza l’equilibrio a metà set ma con un Andrea Lanci che sposta leggermente il gioco al centro. La mossa funziona e abruzzesi che allungano fino a conquistare il secondo parziale in tutta tranquillità. La serata sembra quella giusta ed i tifosi sono pronti a festeggiare in anticipo la salvezza raggiunta ma qualcosa dev’essere successo nella testa delle due squadre in quei tre minuti di pausa prima del terzo set. L’avvio di frazione illude squadra e supporters ospiti. La Sieco va subito avanti di tre punti e mentre tutti si aspettano un set privo di insidie, ecco che l’altalena comincia a tornare indietro. La Sieco comincia a calare e gli ospiti a salire inesorabilmente. Raggiunto quel punto di equilibrio sono stavolta i padroni di casa a salire, mentre la SIECO scende errore dopo errore fino alla conquista (o alla perdita, dipende da come la si vuol leggere) del set. E se le speranze ortonesi erano riposte del quarto set, Aversa, pronta, rispondeva di “no”. L’Impavida affonda: Ottaviani e Bencz sono stremati e Mister Lanci, che suda freddo e vede il tie-break avvicinarsi, preferisce farli riposare e butta nella mischia Tartaglione e Zanettin. Mischiare le carte in tavola però non porta i risultati sperati. Aversa dilaga e stravince il set. Gara ribaltata in tutto e per tutto. Adesso sono i padroni di casa a vivere il momento sulle ali dell’entusiasmo mentre la SIECO ha sulle spalle tutto il peso di questi ultimi importantissimi punti. Torna a farsi sentire il muro ospite e gli ortonesi conquistano subito un margine di vantaggio che, seppur variabile, permette di andare avanti con sufficiente calma. Un po’ di apprensione quando, subito dopo il cambio di campo, gli avversari tornano a -2 ma poi il cammino verso il traguardo riprende senza ostacoli fino alla vittoria finale. Una Sieco non bellissima ma capace di un guizzo che regala alla città la permanenza nella seconda serie della pallavolo italica. Il penultimo posto è distante sette punti e con soltanto sei punti a disposizione, la salvezza non è più affar nostro. Per quanto riguarda la zona play-off, la matematica non ha ancora emesso sentenze ma il buon senso vuole che sia obiettivo improbabile.

 

PRIMO SET. I padroni di casa scendono in campo con La Sigma Aversa risponde con Pinelli palleggiatore e Santangelo opposto. Centrali Vigil Gonzales e Giacobelli. Il reparto schiacciatori è affidato a Libraro e Simeonov. Per concludere, Vacchiano nel ruolo di Libero. Stringe i denti l’opposto Bencz che, almeno per questa prima frazione, scende in campo. I bianco-azzurri schierano quindi Capitan Andrea Lanci in cabina di regia con opposto Bencz. Il compito di giocare al centro è affidato a Menicali e Simoni mentre gli schiacciatori sono Ottaviani e Ogurčák. Libero Pesare. La gara parte subito con un ace per la SIGMA aversa: 1-0. Ancora ace, complice una ricezione non proprio riuscita di Pesare 3-2. Gli ortonesi in difficoltà in fase ricettiva, soffrono molto sul servizio, i padroni di casa ricostruiscono ed incrementano il proprio vantaggio 6-3. Buona la Pipe di Ogurčák che mette a segno il punto del pareggio: 8-8. Passa in vantaggio la SIECO per la prima volta grazie a Milan Bencz che sfrutta il muro per siglare l’8-9. Simoni vuol dire la sua e mette di prepotenza a terra la palla che vale il 10-12. Out l’attacco di Libraro 10-14 e coach Bosco chiama tempo. Riesce alla perfezione il “sette” alla coppia Lanci/Menicali: 15-17. Gonzales sbaglia il servizio e regala il punto del 19-17 agli adriatici. Questa volta è Bencz a spedirla fuori, Nunzio Lanci chiama il check ma il tocco a muro non c’è stato: la Sigma agguanta il pareggio 20-20. Ancora errore per Bencz e Aversa è in vantaggio 21-20. Il pallonetto di Ogurčák tiene Ortona incollata agli avversari 22-22. Non riesce la ricostruzione ai ragazzi di Mister Lanci e i padroni di casa possono godere del primo set point 24-23. Simeonov la mette fuori direttamente sul servizio e si va ai vantaggi: 24-24. Torna in vantaggio la SIECO grazie a Bencz molto utilizzato da Andrea Lanci 25-26. È sempre Bencz ma questa volta imbeccato da Pesare a piazzare un millimetrico lungo-linea che vale il set. Nessuna protesta, nessun video-check e gli abruzzesi conquistano il parziale: 25-27

 

SECONDO SET che comincia a formazioni invariate. Ottaviani va al servizio ma il primo punto del set è dei padroni di casa 1-0. Doppio vantaggio per Aversa che grazie a Simeonov conquista il punto del 4-2. Erroraccio difensivo dei padroni di casa che lasciano cadere un innocuo palleggio di Bencz, l’Ortona va in vantaggio 5-6. Incontenibile la schiacciata di Ottaviani, Ortona allunga 5-8. Parziale di 3 a zero per la Sigma che con Libraro trova il pareggio 8-8. Bella la finta di Andrea Lanci che la butta dentro di prima intenzione 10-12. Il Capitano si concede anche l’ace dell’11-15 e Coach Bosco chiama i suoi in panca per una bella strigliata. Giganteggia al centro Menicali che servito alla perfezione dal regista ortonese segna il 12-17. Fortunoso Ace di Santangelo che con la complicità del nastro mette a terra il 14-17. Ottaviani stringe sulla diagonale quando tutti si aspettavano un lungo linea 16-20. Muro di Menicali, la SIECO allunga 17-23. È Ogurčák a conquistare il punto del 18-24. Pochi istanti e l’Aversa sbaglia anche il servizio regalando l’ultimo punto di questa seconda frazione di gioco 18-25.

Via anche al TERZO SET. Il primo punto è di Ogurčák che in diagonale supera il muro dei padroni di casa: 0-1. Partono forte gli ortonesi a caccia del set che vorrebbe dire salvezza. Sullo 0-3 l’allenatore dell’Aversa si gioca subito il primo time-out. Fuori la salto-float di Simoni 1-3. Super parziale dei padroni di casa e set di nuovo in perfetta parità 3-3. Buona la palla di Santangelo. Ora la gara è più equilibrata 5-5. Ace del numero 9 dell’Aversa che va in vantaggio per la prima volta in questo set 8-7. Ora la gara è più viva, Aversa cresce e la SIECO è costretta ad inseguire seppur da vicino. Bencz dalla seconda linea fa il 10-10. Break dei campani e sul 12-10 Nunzio Lanci decide di fermare il gioco. Palla toccata dal muro ortonese e questa volta è la SIGMA che scappa sul 14-11. Out il servizio di Menicali 16-12. Bruttina la ricezione di Pesare che da modo agli avversari di ricostruire. Ora Aversa è avanti di cinque punti così Mr. Lanci è costretto a fermare ancora il gioco 18-13. Quattro tocchi fischiati all’Ortona 20-15. Bencz non sbaglia ma il punteggio sembra ormai compromesso 21-17. Menicali sfiora a muro ed il punteggio va sul 23-19. Murato Bencz e la Sigma Aversa si appresta a vincere il suo set. 24-19. Va fuori il servizio di Menicali che consegna il parziale ai padroni di casa 25-20

 

QUARTO SET che comincia senza variazioni. La Sieco dovrà ritrovare la concentrazione perduta perché i campani sono in netta crescita. Si parte con Ottaviani al servizio ma Aversa fa subito punto con Libraro 1-0. Doppio vantaggio per i padroni di casa che ora conducono i giochi per 4-2. Ogurčák con un ace riconquista la parità 4-4. Murato Ottaviani 6-4. Ancora un muro subito da Ottaviani che ora viene sostituito da Tartaglione 8-5. Anche la fortuna gioca con i padroni di casa. Ace confezionato dalla rete che blocca la palla facendola piombare a terra inesorabilmente 10-5. Ancora una ricezione errata di Pesare che regala il 13-6 ai padroni di casa. Zanettin sostituisce un affaticato Bencz ma il divario tra le due squadre sembra ormai insanabile 15-8. Fallo di rotazione fischiato alla SIECO: 17-9. Ancora una ricezione da dimenticare ed è perfetto l’assist servito ai padroni di casa che di prima intenzione fanno il 18-9. Irriconoscibile Sieco. Sbaglia il servizio anche Andrea Lanci ed il tabellone segna inesorabile 19-10. Sono undici i set point per l’Aversa che vede la gara riaperta contro ogni speranza e pronostico. 24-12. Si chiude anche il quarto set, Aversa che torna in gara 25-14

QUINTO ED ULTIMO SET di questa gara a due volti. La prima palla di questo set decisivo è nelle mani dei padroni di casa. Il primo punto è di Michele Simoni: 1-0. Invasione fischiata a Simeonov e la SIECO fa il suo punto break 1-3. Quando anche Menicali fa muro, Mr. Bosco chiama tempo 1-4. Buono l’attacco al centro di Vigil Gonzales e gli ospiti sono ad un passo 3-4. Simeonov chiuso dal muro di Bencz 4-7. Al cambio di capo la SIECO conserva un vantaggio di due punti 6-8. Mani-Out per Ottaviani che guadagna un punticino 6-9. La ricezione dei campani non contiene la potenza della schiacciata di Ogurčák ed ora il punteggio è 7-11. Un parziale di due a zero porta i padroni di casa pericolosamente vicini e Lanci chiama tempo: 9-11. Ogurčák mette dentro il 13-9 e Simoni va al servizio. Ancora Ogurčák sfrutta un tocco a muro per conquistare il match point. Ed è Menicali a conquistare l’ultimo, importantissimo punto di questo match che sancisce la permanenza matematica della SIECO in serie A2. 10-15

 

Nunzio Lanci: «È stata una partita difficilissima che abbiamo interpretato alla grande nei primi due set per poi subire un brutto calo nei due successivi. Menomale che siamo riusciti a riprenderci nel quinto fino a raggiungere la salvezza. Un risultato importante che ci vedrà l’anno prossimo, per l’ennesima volta affrontare un campionato di Serie A2. Siamo felici per noi e per i nostri tifosi. Ora un bel respiro di sollievo e sotto con le ultime due gare dando sempre e comunque il massimo»

TABELLINI:

 

Sigma Aversa: Pinelli 2, Santangelo 28, Vacchiano (L), Grassi n.e., Vigil Gonzales 13, Libraro 13, Simeonov 14, Catena n.e., Montò n.e., Baldari, Marra, Giacobelli

 

Sieco Impavida Ortona: Simon 9i, Pesare (L), Zanettin 1, Bencz 18, Tartaglione 1, Ottaviani 7, Sitti, Provvisiero (L), A. Lanci 2, Zanini n.e., Ogurčák 23, Menicali 9. Allenatore: N. Lanci

NOTE:

Sigma Aversa - Sieco Service Impavida Ortona 2-3 (25-27 / 18-25 / 25-20 / 25-14 / 10-15)

Durata Set: I (31‘), II (25’), III (26’), IV (21’), V (18’)

Durata incontro: 2h 01’

Muri Punto: Aversa 11; Ortona 8

Aces: Aversa 6; Ortona 3

Errori Al Servizio: Aversa 15; Ortona 13

Arbitri: Cavalieri Alessandro Pietro (Cz) e Nicolazzo Maurizio (Cz).

Foto: Maria Elena Pagetta