Abbiamo quasi superato le prime due settimane di lavoro ed è il momento di iniziare a presentare il roster che prenderà parte al prossimo campionato interregionale di Serie C. Lo facciamo ripartendo da due volti noti, i due amministratori della squadra, i due palleggiatori che con la loro tecnica e classe dovranno leggere al meglio le situazioni di gioco e rifornire di palle le bocche di fuoco pronte ad attaccare. Loro sono Savero Faiulli, classe '96 e Alessandro Pisciella, classe '97. Entrambi saranno protagonisti, oltre che in Serie C, anche nel campionato under 19. Faiulli non ha bisogno di grandi presentazioni: per lui una lunga trafila nel settore giovanile ortonese, sin dalle categorie minori. Pisciella, invece, dopo essere stato la new entry dell'anno scorso, arrivato direttamente dalla Sir Safety Perugia, in questa stagione è pronto a riconfermarsi agli alti livelli a cui ci ha abituato.

 

Come sta procedendo la prima parte di preparazione?

 

Saverio - Innanzitutto voglio sottolineare che sono molto contento che la stagione sia ricominciata. Per quanto riguarda i primi allenamenti devo dire che sono molto duri, come già sapevamo, ma sicuramente saranno utilissimi per svolgere al meglio tutti i campionati che disputeremo. Inoltre è stato anche molto bello sapere che ci sarà un nuovo allenatore ad accompagnarci durante la stagione, e sono convinto che ci darà una grossa mano.

 

Alessandro - Senza dubbio iniziare una nuova stagione è sempre emozionante perché, ripensare solo alle esperienze delle finali nazionali under 17, anche se deludenti, fa venir voglia di tornare in palestra e prepararsi per l’anno che verrà con l'obiettivo di fare meglio. Questo è quello che sta avvenendo in questo momento. La preparazione, come spiega la parola stessa, allena il fisico e la mente in vista di un anno sicuramente difficile, compito non semplice affidato a Mario Santone che ci sta “uccidendo” a ritmo di corse e addominali. Ma al di là della stanchezza fisica tutto procede per il meglio e tutto il gruppo degli Impavidi è fiducioso!

 

Quali sono gli obiettivi per questo nuovo anno?

 

Saverio - L'obiettivo che dobbiamo porci come squadra in questo nuovo anno è quello di rendere al meglio nei campionati che andremo a svolgere. Riguardo a quello di U19, ci aspettiamo di disputare di nuovo le finali nazionali ma anche di avere degli ottimi risultati nei tornei importanti che ci vedranno impegnati. Nel campionato di Serie C, invece, l'obiettivo principale è di competere con le squadre più esperte di noi e di trovarci nelle posizioni alte del campionato. Naturalmente per riuscire a fare ciò dobbiamo crescere, allenandoci con continuità e dedizione durante l'anno.

 

Alessandro - Come ho detto prima si punta sicuramente a fare meglio. Infatti Tommaso, nostro allenatore, nel primo allenamento di preparazione ha ribadito le intenzioni di fare una stagione ricca di risultati, tanto da non tollerare la mancanza di serietà e chiarendo che giocherà solo chi lo meriterà, sotto ogni punto di vista. Detto ciò, crediamo di poter fare molto bene nel campionato interregionale di serie C, e di poter puntare in alto nelle giovanili, dimostrando qualcosa in più non solo a livello regionale, ma anche nelle realtà che contano.

 

A livello personale che traguardi vi ponete?

 

Saverio - Ciò che mi aspetto da quest'anno è di migliorare ancora di più per riuscire a raggiungere un livello più alto e togliermi qualche soddisfazione. Un altro obiettivo che devo impormi è quello di non deludere le aspettative dell'allenatore e di aiutare il più possibile l'intera squadra.

 

Alessandro - Tutta la squadra è fiduciosa in un grande anno! Io in primis vorrei dimostrare qualcosa in più, crescendo sotto ogni punto di vista, e se possibile vincendo anche qualcosa di importante. Questo è il mio traguardo strettamente personale. Ci sono i presupposti fisici, tecnici e mentali per competere per esempio nella Junior League, torneo under 19 nazionale, oppure puntare ai play off di Serie C. Ma questi ovviamente sono solo dei pensieri, adesso tocca a noi portarli a punto con un anno intenso e pieno di lavoro.

 

Siete i due palleggiatori della Serie C... Cosa volete dire l'uno all'altro?

 

Saverio - Voglio dire al mio collega che il nostro ruolo è quello più importante e che per questo dobbiamo essere noi a trascinare la squadra senza perdere mai la calma e la concentrazione. In più è anche molto bella la competizione che c'è tra di noi in allenamento, che porta entrambi a dare il meglio per cercare di superare l'altro.

 

Alessandro - Senza alcun dubbio il palleggiatore è la colonna portante della squadra perché è lui a gestire ogni palla, cercando di mettere nelle migliori condizioni lo schiacciatore. Questo compito rende il ruolo in questione molto difficile. Io e Saverio dobbiamo mantenere sempre la calma senza perdere lucidità. Cosa ancor più bella è la sana competizione che c’è tra di noi, infatti in ogni allenamento siamo messi in discussione. Poi toccherà ad ognuno di noi dimostrare chi è il migliore! Quindi, mio caro amico, ci attende un altro anno difficile e stai attento perchè sono molto agguerrito!