- Sieco Service Impavida Pallavolo Ortona - http://www.impavidapallavolo.it -

“Serata No” per la SIECO che cade a Cantù

La SIECO non carbura e va ad impattare contro una Pool Libertas Cantù che fa del muro l’arma vincente della serata. Ad inizio gara si ferma anche Capitan Andrea Lanci che per questa disputa va quindi ad accomodarsi accanto ai titolari già indisponibili Simoni e Dolfo. Al suo posto Alessio Sitti, che trova due ace e due “Block”. Canturini che sono sembrati sin da subito più determinati a far propria la sfida con una SIECO sotto tono un po’ su tutti i fronti. Eccezion fatta per il finale del primo set, quando gli ortonesi riescono a portare il game ai vantaggi, sono state tante le difficoltà in fase offensiva e dalla linea di nove metri in casa Impavida. Un set lunghissimo ed incerto che i bianco-azzurri hanno anche avuto la possibilità di chiudere a proprio favore. Alla fine, la roulette russa premia i padroni di casa ed è qui che la squadra di Nunzio Lanci si spegne. Dal secondo set in poi c’è solo Cantù in campo. Addirittura nel terzo parziale la Pool Libertas è subito avanti 7-1. La SIECO tenta la riscossa finale ma ormai i lombardi sono irraggiungibili, così anche il terzo set, e con esso la partita, va nelle mani dei padroni di casa. Luci ed ombre questa sera per Marks ed Ogurčák che devono fare i conti con un muro quasi invalicabile. Al contrario, un Preti indemoniato (anche se “in stato di Grazia” calzerebbe meglio), mette a terra 18 punti con una positività che arriva al 61%. Nonostante la battuta di arresto, Lanci & Co. restano aggrappati al terzo posto ma sentono sul collo il fiato di Castellana Grotte. Ma un’altra avversaria terribile è alle porte. Domenica 24 febbraio la prima della classe farà visita alla SIECO. Orario previsto per l’inizio di gara: 19.00.

PRIMO SET. Coach Cominetti, per i padroni di casa schiera in campo la diagonale composta da Baratti e Santangelo, gli schiacciatori Preti e Cominetti R., i centrali Robbiati e Monguzzi e libero Butti. Per la Sieco ancora assenti Dolfo e Simoni. Mister Nunzio Lanci si affida ai promettenti Sorrenti e Berardi. Ortona scende quindi in campo con Capitan Andrea Lanci al palleggio e Marks opposto. Ogurčák e Sorrenti nel ruolo di schiacciatori mentre i centrali saranno Menicali e Berardi. Libero Toscani. La prima palla di questa importantissima sfida è tra le mani di Santangelo per i padroni di casa e arriva così il primo punto, Sorrenti non riesce a trattenere la bomba ed è ace. Out l’attacco di Cominetti in pipe, vantaggio Sieco 1-2. Invasione aerea fischiata a Sorrenti, 3-3. Out l’attacco di Menicali, i padroni di casa tornano in vantaggio 5-4. Il primo break è per i canturini ed arriva dopo una fase di gioco molto confusa 8-6. Molti gli errori al servizio in questa prima fase di gioco, sbaglia anche Fiscon 10-8. Ci prova Sorrenti a tenere agganciati i suoi ma Cantù è avanti 12-10. Out la palla di Santangelo, la SIECO si rifà sotto 13-12. Non scatta l’intesa tra il palleggiatore ed il centrale di Cantù, la Sieco trova il pari 13-13. Fortunoso il punto di Monguzzi 15-14. Anche Ogurčák la spedisce contro la rete in servizio 16-15. Nuovo break per i padroni di casa con Preti 17-15. Ancora fuori il servizio di Fiscon 18-16. Scappa ancora avanti il Cantù, ora il divario si fa pericoloso 19-16. Preciso Sorrenti in attacco, 20-18. Buona l’intesa tra Sitti, subentrato a Capitan Lanci, e Marks 21-20. Berardi si autoaccusa del tocco e si becca il cartellino verde. 22-20. Santangelo attacca ma la palla tocca l’asta 23-22. Preti mette a terra la palla che vale il primo Set Point 24-22. Sbaglia il servizio Santangelo ed è 24-23. Fiscon mette in difficoltà la ricezione dei lombardi la Sieco riesce a ricostruire e Marks porta il set ai vantaggi 24-24. Out Fiscon 25-24. Sorrenti rimette il punteggio in parità 25-25. Out il muro di Sitti 26-25. Gran bello scambio, alla fine ha la meglio la SIECO 26-26. Muro di Menicali 26-27. Cominetti fa punto 27-27. Ace di Baratti 28-27. Menicali però fa 28-28. Ogurčák finalizza una free-ball 28-29. Ancora parità 29-29. Pere non riesce a trattenere ed è 30-30. Marks gioca sulle mani del muro 30-31. Santangelo non sbaglia 31-31. Murato Marks 32-31. Si chiude poi questo lunghissimo set con un errore di Sorrenti. 33-31.

SECONDO SET che riparte con formazioni invariate. Rimane in campo Sitti per Lanci. Subito punto per Cantù 1-0, ma Sorrenti pareggia immediatamente 1-1. Ace per preti 3-1. Errore di Marks al servizio 4-2. Ancora un punto di Cominetti 5-2. Buona la sette di Cantù 7-4. Ogurčák fermato a muro, La Pool Libertas aumenta il vantaggio 9-5. Murato Marks 10-5. Va a segno Marks 11-8. Potente ma fuori l’attacco di Santangelo 12-10. Muro di Menicali 13-11. Ancora un muro su Marks 15-11. Ogurčák accorcia le distanze 16-14. Il muro di Marks vale il 17-15. Ace di Alberini 19-15. La Pipe di Cominetti non trova resistenze 20-16. Spara fuori la palla Marks al servizio 21-17. È out anche l’attacco al centro di Menicali e Cantù è ad un passo dal conquistare anche il secondo parziale 23-18. Santangelo ferma Ogurčák ed è tie-break 24-18. Ancora un muro chiude il parziale 25-18.

TERZO SET. Out il servizio di Santangelo. 0-1. Out la palla di Sorrenti 3-1. Errore di Ogurčák in fase di ricezione e Cantù è subito in fuga 4-1. Ancora ACE di Preti su Ogurčák 5-1. Preti ne fa ancora 6-1. La SIECO non c’è, padroni di casa sul 7-1. Muro di Sitti 7-3. Questa volta Ogurčák fa muro 8-5. Non riesce la Pipe di Sorrenti 11-5. Murato Ogurčák 12-5. Cantù inarrestabile 14-7. Nunzio Lanci sostituisce Marks per De Waard ma Preti segna ancora 17-9. Ogurčák ferma Santangelo 17-11.  Murato anche De Waard 19-12. Doppio Ace di Sitti 20-15. Muro di De Waard 20-16. Torna a macinare gioco Cantù 22-17. Out l’attacco di Cantù 23-19. Arriva il punto del match point 24-20.

Alessio Sitti: «Questa sera Cantù ha giocato davvero bene. Era una partita importante anche per loro, tutto sommato. Abbiamo giocato un primo set molto combattuto che si è risolto per qualche episodio. Sono riusciti a metterci in difficoltà al servizio ed a muro, mentre noi ci siamo lasciati andare. Purtroppo siamo incappati in una “giornata no”. Anche se non è mai bello perdere per tre set a zero, farlo in questo modo, senza tentare una vera reazione è davvero un peccato»

Pool Libertas Cantù: Suraci n.e, Corti, Monguzzi 5, Butti (L), Cominetti R. 14, Rudi (L) n.e., Santangelo 19, Danielli, Baratti 2, Frattini n.e., Gasparini, Preti 18, Pellegrinelli n.e., Alberini, Robbiati 4. Allenatore: Cominetti L.

Sieco Service Impavida Ortona: De Waard, Simoni n.e., Pesare (L), Berardi 2, Toscani (L), Sitti 4, Sorrenti 11, Lanci A., Marks 12, Fiscon, Ogurčák 14, Menicali 4. Allenatore: Lanci N.

Durata Set: I (36’), II (28’), III (25’)

Durata Totale: 1h 29’

Aces:  8 Cantù – 2 Ortona
Errori Al Servizio: 15 Cantù – 15 Ortona
Muri Punto: 11 Cantù – 7 Ortona

Arbitri dell’Incontro: Guarnieri Roberto (Me) e Sabia Emilio (PZ).

Classifica: Piacenza 52, Bergamo 48, ORTONA 39, Castellana Grotte 37, Cantù 35, Gioia Del Colle 35, Grottazzolina 33, Catania 30, Club Italia, 29, Prata 23, Cuneo 19, Taviano 17, Cisano Bergamasco 13, Tuscania 10

Per la Volley Junior arrivano due punti da Nereto

Posted By Ufficio Stampa On In Serie C - Volley Junior | No Comments

Trasferta delicata per la serie C sabato sera a Nereto. Le teramane in casa schierano una formazione diversa da quella in trasferta con due elementi di peso che finora hanno fatto la differenza negli scontri casalinghi.

Nereto parte forte mettendo subito in difficoltà le ragazze della VJ, che grazie ad una ottima interpretazione di muro e difesa da parte delle avversarie, faticano a ricostruire.

Primi due set intensi con scambi molto lunghi quasi sempre a favore delle teramane.  Ma è proprio quando sono sotto di due set che le ragazze di Coach Menè riescono a trovare la grinta necessaria per ribaltare l’esito della gara. Finalmente comincia a funzionare a dovere il muro ortonese così come efficaci diventano i servizi delle Ragazze Impavide. Una volta centrato il pareggio, le padrone di casa accusano un vistoso calo fisico così che le ortonesi riescano a vincere senza troppi affanni anche il tie-break. «Abbiamo avuto qualche difficoltà perché stiamo ancora cercando di ritornare alla nostra forma abituale. Nonostante questo le ragazze hanno dato il massimo, dando prova di grande carattere e credendoci fino alla fine. Un plauso a Barbara Bianco che nel quarto set è riuscita a prendere per mano la squadra guidandola alla riscossa. Ottime anche le giovanissime che entrando in corso d’opera hanno dato una mano grandissima alla squadra»  

Nel prossimo turno c’è uno scontro particolarmente delicato ad attendere le Impavide. La Volley Junior sarà impegnata a Lanciano contro la Twice Cream. All’andata terminò 3 a 2 per le frentane.

Re-Hash Volley Nereto – Volley Junior Ortona 2-3 (25/20, 25/19, 24/26, 18/25, 8/15)

Riparte il campionato: La Sieco fa visita al Cantù.

Posted By Ufficio Stampa On In Serie A2 | No Comments

Dopo la pausa per la “Final Four” di Coppa Italia a Bologna si torna in campo per la settima giornata di ritorno del Campionato Serie A2 Credem Banca. Settima giornata che si è aperta con l’anticipo di mercoledì sera nel quale si sono affrontate l’Olimpia Bergamo e la Videx Grottazzolina. Risultato rotondo a favore degli orobici che hanno battuto per tre set a zero i marchigiani.

Dopo quella di Catania, nuova trasferta per i Nostri Eroi, che viaggeranno in direzione Cantù per affrontare l’ennesimo scontro diretto tra pretendenti alle preziosissime prime quattro posizioni di questo torneo. La SIECO è al terzo posto in classifica con trentanove punti mentre gli avversari sono attualmente sesti con trentadue. A sette giornate dal termine, i bianco-azzurri hanno un margine di sei punti dalla quinta e cinque dalla quarta. I tanti punti ancora in palio in una classifica così corta, tuttavia, non rendono sufficiente questo gap a dormire sonni tranquilli e Coach Nunzio Lanci lo sa benissimo. «Sarà una partita molto importante sia per noi che per loro. Affronteremo una squadra con delle ottime qualità e che tenterà di renderci la vita difficile. Loro stanno lottando per risalire in classifica, noi per mantenere la posizione. Sarà dura ma non potendo fare i conti senza l’oste, posso garantire che il nostro impegno sarà massimo. Veniamo da una striscia positiva ed è ovvio che la nostra intenzione sia di proseguirla anche dopo la sosta di campionato».

Intanto dall’infermeria arrivano notizie tutto sommato positive. Dolfo sta aumentando l’intensità dell’allenamento e tra un paio di settimane dovrebbe essere pronto a tornare in campo. Stessa situazione anche per il centrale Michele Simoni per il quale, però, si rimane molto più cauti. Il centrale ortonese non sarà a disposizione per la trasferta di Cantù mentre si valuterà con attenzione lo stato della sua caviglia durante la prossima settimana. Lo staff medico della SIECO non vuole di certo forzare i tempi ma la caviglia è in via di guarigione e se risponderà bene alle terapie, Simoni potrebbe tornare a calcare il campo già dalla partita in casa contro Piacenza. Tornando alla gara di domenica 17 febbraio, le “ostilità” tra Cantù ed Ortona avranno inizio alle ore 18.00. I precedenti raccontano di nove vittorie Impavide contro le due dei canturini. In quel di Cantù la SIECO ha vinto due volte al tie-break e altrettante volte è riuscita a portare a casa l’intera posta in palio. L’unica sconfitta in trasferta a Cantù è stata per tre set ad uno. Arbitri dell’incontro saranno i Signori Guarnieri Roberto (Me) e Sabia Emilio (PZ).

Questo il programma completo della Settima Giornata del Girone Blu:

Gas Sales Piacenza – Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania
Olimpia Bergamo – Videx Grottazzolina 3-0 (giocata il 13/02/19)
Pool Libertas Cantù – Sieco Service Ortona
BAM Acqua S.Bernardo Cuneo – Materdomini Castellana Grotte
Club Italia Crai Roma – Tipiesse Cisano Bergamasco
Tinet Gori Wines Prata – Pag Taviano
Gioiella Gioia Del Colle – Messaggerie Catania.

Classifica: Piacenza 49, Bergamo 48, Ortona 39, Castellana Grotte 34, Grottazzolina 33, Cantù 32, Catania 30, Club Italia 26, Prata 21, Cuneo 19, Taviano 16, Cisano Bergamasco 13, Tuscania 10.

Bergamo e Grottazzolina una gara in più.

Volley Junior a mezzo servizio: Vittoria al Tie-Break

Posted By Ufficio Stampa On In Serie C - Volley Junior | No Comments

Tutto è bene quel che finisce bene. Le Ragazze Impavide trovano sul loro cammino una Pallavolo Teramo agguerrita che vuol fare di tutto per uscire dalle zone basse della classifica. Con una Volley Junior non al meglio a causa di influenza e qualche infortunio, le teramane hanno grinta e destrezza per tener testa alle padrone di casa.

Una gara lunga che si è giocata quasi sempre punto a punto con le ortonesi che non sono mai riuscite a distanziare nettamente le teramane, brave a cogliere i momenti di esitazione delle ragazze di Coach Menè, approfittandone per ottenere un punto importantissimo.

«Per fortuna siamo riuscite a non lasciar andare completamente la gara vincendo al tie-break» è il commento di Pina Menè. «Abbiamo conquistato due punti che ci permettono di mantenere la nostra buona posizione in classifica. Prestazione sottotono per tutte le ragazze, ma con tutti gli acciacchi che abbiamo avuto in settimana, era preventivabile. Speriamo di superare velocemente questo momento e di riuscire a tornare in campo determinate ed in piena forma fisica già dal prossimo impegno contro il Nereto».

Super Sieco! Catania colpita ed affondata

Posted By Ufficio Stampa On In Serie A2 | No Comments

Una serata perfetta quella della SIECO che strapazza il forte Catania per tre set a zero proprio davanti al suo pubblico. Tre punti netti e puliti, frutto di una gara giocata con la massima concentrazione in tutti i reparti. Brilla il centrale Menicali, che nei suoi 12 punti ci infila anche un ace. Una gara che la SIECO ha sempre condotto, tranne per un break di due punti che i catanesi erano riusciti a mettere a segno nel secondo set. È stata una vittoria di gruppo con i ragazzi pronti e bravi a trasformare in oro anche qualche piccola, eventuale sbavatura di un compagno. Pronti via e Ortona fa subito la voce grossa portandosi in vantaggio di cinque punti 2-7. Ma Catania non ci sta e si riavvicina pericolosamente 9-10, set riaperto, almeno all’apparenza. La paura fa svegliare i ragazzi di Coach Lanci che si rimettono sulla buona stradae scavano un nuovo profondo solco con gli avversari che non riescono proprio a venirne a capo 11-16. Da qui in avanti, vano ogni tentativo dei siciliani di mettere in scena un nuovo recupero. Il parziale si chiuderà 17-25 con un rosso comminato per proteste continue e reiterate a Finoli dopo che aveva applaudito sarcastico il primo arbitro che gli aveva già assegnato un giallo. Forse ingenuo in questo caso il palleggiatore del Catania proprio per l’importante gap che ormai si era creato tra le due squadre. Il nervoso finale di set fa pensare ad un rientro in campo agguerrito per i Catanesi che in effetti trovano il primo ed unico vantaggio del match portandosi sul 5-3. Ma la SIECO c’è e lotta palla su palla, trova presto il pareggio dei conti con un Marks in serata e poi se la gioca punto a punto accelerando nel finale di set quando Sorrenti ferma Gradi a muro per il break del 18-20. Buona la gestione degli adriatici da li alla fine del secondo parziale. Addirittura mettono un un ulteriore terzo punto di vantaggio tra loro ed i catanesi. Il set si concluderà quindi 22-25. Poco cambia nell’ultimo parziale. I padroni di casa non riescono ad imporre il loro gioco e l’equilibrio dura fino all’8-8, dopo è solo Impavida. L’accelerata nel finale consente agli ospiti di volare dal 19-21 al 20-25 finale. Per la seconda volta in questa stagione, dunque, la SIECO vince con tre set di scarto e per la prima volta, fuori casa. Ma non è questo l’unico motivo per il quale la SIECO può sorridere questa sera. In chiave Impavida arrivano buone notizie anche dagli altri campi dove le dirette inseguitrici subiscono pesanti stop. Grottazzolina perde in casa contro Castellana Grotte che la supera in classifica prendendosi il quarto posto con 34 punti. Cantù cade a Gioia del colle che la aggancia a 32 punti tornando in piena corsa per una delle ambitissime prime quattro posizioni. Ortona ha quindi attualmente un vantaggio di sei punti dalla quinta in classifica. Adesso pausa per dare spazio alle finali di Coppa Italia in programma domenica 10. Il cammino della SIECO ripartirà quindi domenica 17 febbraio, quando l’Impavida farà visita alla Pool Libertas Cantù, squadra in ottima forma che sta risalendo la china.

PRIMO SET che si apre con i padroni di casa che schierano il palleggiatore Finoli e l’opposto Gradi. Reparto centrali composto da Porcello e Reina, schiacciatori Corrado e Bonacic. Libero Pricoco. La SIECO, priva di due titolari risponde con Andrea Lanci al palleggio e Marks opposto. Esordirà dall’inizio il centrale Berardi accanto a Menicali. Confermato Sorrenti a sostituire Dolfo che con Ogurčák occuperà la casella degli schiacciatori, libero Toscani. La prima palla della gara è tra le mani di Bonacic ma il primo punto è di Marks. 0-1. Il muro di Menicali porta il punteggio sullo 0-3, ancora ottimo il turno al servizio di Fiscon. Sorrenti ferma Gradi con un muro solitario 1-5 e primo Time-Out per i padroni di casa. Buona l’intesa tra Lanci e Menicali 2-7. Berardi colto in controtempo, Catania accorcia il divario 7-10. Invasione per gli ortonesi 8-10. Bonacic segna il 9-10 ed il recupero è quasi completo. Il muro di Marks da respiro gli abruzzesi 10-14. Ace dell’opposto tedesco, 11-16. Out il servizio di Gradi 13-17. Muro di Ogurčák 14-19. Sovvertita la decisione dell’arbitro che aveva visto dentro un attacco al centro di Catania. Il punto è ortonese 14-20. Ace anche per Menicali 14-21 e secondo time out chiamato dal Signor Puleo. Ogurčák trova il tocco del muro 15-22. Out il servizio di Finoli 17-23. L’elettronica è chiamata a risolvere un contrasto di opinioni su … un contrasto a rete che si era risolto a favore della Sieco. La coppia arbitrale, dopo breve consulto conferma il punto alla Sieco 17-24. Continuato tuttavia le proteste dei padroni di casa e così Finoli riceve un cartellino Giallo. Applauso dello stesso Finoli nei confronti del primo arbitro ed è ROSSO per il giocatore. La Sieco si aggiudica quindi il set senza neanche dover giocare l’ultima palla.

SECONDO SET che parte con il servizio ed il muro degli ortonesi 0-1. Subito un video-check chiesto da Ortona per una presunta palla out data invece dentro. Aveva ragione Capitan Lanci a richiedere l’ausilio dell’elettronica. La palla era fuori 0-2. Subito Gradi rimette in parità il parziale 2-2. Out questa volta il servizio di Fiscon 3-3. Per la prima volta in questa gara Catania è in vantaggio 4-3. Ace per Porcello 5-3. Marks aggancia Catania 5-5. Menicali al centro riporta Ortona in vantaggio 6-7. Marks non riesce a controllare la copertura 8-8. Out l’attacco di Marks 9-9. Sorrenti a muro regala un break agli abruzzesi 10-12. Bonacic trova la strada bloccata da Marks e la panchina catanese chiama tempo: 10-13. Bello l’attacco dalla seconda di Gradi e lo svantaggio è ridotto ad un solo punto 12-13. Ace per Finoli 14-14. Invasione di Catania, 14-16. Murato Marks da Porcello 17-17. Straordinario Ogurčák che attacca potente una palla complicata 17-18. Sorrenti ferma Gradi a muro 18-20. Porcello sbaglia malamente il servizio 20-22. Contrattacco di Ogurčák 21-24. Arriva un giallo proprio per Ogurčák, proteste per lui dopo che il secondo arbitro ha visto una invasione di Menicali che, secondo gli ospiti era stata invece commessa da i padroni di casa 22-24. È lo stesso Ogurčák che mette a terra l’ultimo punto del secondo parziale 22-25.

TERZO SET che parte con l’errore al servizio di Catania 0-1. Pallonetto di Sorrenti che gioca al meglio una palla non pulitissima 1-3. Ace di Porcello 3-3. Out il servizio di Bonacic 5-6. Si gioca punto a punto, gradi mette a terra la palla dell’8-8. Erroraccio di Finoli 8-10. Contrattacco di Menicali che il muro fa rimbalzare fuori 10-12. Ancora errore al servizio per Bonacic 11-14.  Sorrenti gioca sul muro catanese 12-16. Non c’è possibilità di opporsi alla bordata di Marks 12-17. Murato Marks 14-17. Out l’attacco di Bonacic 14-19 e time-out chiamato da Puleo. Fortunoso Sorrenti, il suo pallonetto rimbalza sulla rete e finisce in campo 16-20. Menicali chiude bene “la sette” offerta da Lanci 16-21. Gradi mette a segno ancora un punto per i suoi, Catania sta tornando sotto 19-21. Out l’attacco di Gradi, la Sieco si porta sul 19-23. Ogurčák mette a terra il 20-24, match point per gli ortonesi. Invasione fischiata a Catania e la SIECO vince per la prima volta per tre set a zero fuori casa. 20-25

Nunzio Lanci: «Una delle più belle prestazioni in questa stagione. Il merito è tutto dei ragazzi, dal primo all’ultimo, anche di quelli che non sono stati impiegati in gara. Abbiamo dato una grande dimostrazione di carattere giocando una gran partita in casa di una squadra forte come Catania. Adesso abbiamo una settimana di stop che dedicheremo ad allenarci per poi riprendere con una nuova insidiosa trasferta. Per ora godiamoci questa splendida prova.»

ELIOS Messaggerie Catania – Sieco Impavida Ortona 0-3 (17-25 / 22-25 / 20-25)

ELIOS Messaggerie Catania: Finoli 3, Bonacic 9, Reina 3, Gradi 14, Corrado 3, Porcello 4, Pricoco (L), De Costa (L), Petrone, Chillemi, Toselli. All. Puleo.

SIECO Service Impavida Ortona: De Waard, Pesare (L), Berardi 3, Toscani (L), Sitti, Sorrenti 10, Lanci A., Marks 17, Fiscon, Ogurčák 10, Menicali 11. Allenatore: Lanci N.

Durata Set: I (29’), II (36’), III (29’)

Durata Totale: 1h 34’

Aces: Catania 2 – Ortona 2
Errori Al Servizio: Catania 16 – Ortona 14
Muri Punto: Catania 5 – Ortona 10

Arbitri dell’Incontro: Moratti Frederick e Jacobacci Sergio

Classifica: Piacenza 49, Bergamo 45, ORTONA 39, Castellana Grotte 34, Grottazzolina 33, Cantù 32, Gioia Del Colle 32, Catania 30, Club Italia 26, Prata 21, Cuneo 19, Taviano 16, Cisano Bergamasco 13, Tuscania 10.

La Volley Junior si arrende alla capolista

Posted By Ufficio Stampa On In Serie C - Volley Junior | No Comments

Nulla da fare per la Volley Junior che cede l’intera posta in palio alla capolista Arabona. Le Ragazze Impavide non riescono ad arginare le bocche da fuoco dell’Arabona, squadra costruita con il chiaro intento di salire di categoria. «Ci abbiamo provato» afferma Coach Pina Menè. «L’Arabona è chiaramente una squadra di categoria superiore in tutti i reparti. Le abbiamo messe in difficoltà ma non abbastanza. Siamo comunque orgogliose della gara e del lavoro che giorno dopo giorno svolgiamo in allenamento e che ci sta dando tante soddisfazioni». C’è davvero di che essere orgogliose in effetti. Nonostante la sconfitta odierna, la Volley Junior alla prima stagione in serie C ha conservato la seconda posizione in classifica.

La SIECO lancia la sfida alla Elios Messaggerie Catania

Posted By Ufficio Stampa On In Serie A2 | No Comments

Trasferta da brividi per la SIECO che domenica 3 febbraio, alle ore 18.00 affronterà il forte sestetto della Elios Messaggerie Catania. All’andata gli ortonesi si imposero al tie-break in una gara avvincente che infiammò finalmente il gioco degli Impavidi autori, da quella sfida in poi, di una clamorosa scalata alla classifica dai bassifondi fino all’attuale terzo posto in classifica. La Sieco arriva dalla vittoria interna contro Gioia del Colle mentre la Elios Catania ha sfiorato il colpaccio in casa dell’Olimpia Bergamo. In vantaggio di due set hanno poi subito il ritorno degli orobici che si sono poi imposti al tie-break. È quindi un buon momento per i siciliani che hanno tutte le intenzioni di risalire quei posti in classifica che permetterebbero loro la permanenza in Serie A2. La SIECO dovrà affrontare la sfida senza due giocatori di ruolo. Michele Simoni, new entry nell’infermeria ortonese dovrà rimanere a riposo forzato per un po’, ma la necessità di intervento chirurgico è, per fortuna, scongiurata.  Il centrale Impavido ha subito una distrazione nella zona della caviglia. I tendini hanno subito un forte stress ma dagli ultimi accertamenti non è stata riscontrata nessuna rottura. Tanto riposo e tanta terapia saranno sufficienti a farlo tornare a disposizione di coach Nunzio Lanci. Ludovico Dolfo è invece sulla via del recupero e le speranze sono quelle di averlo arruolabile già dopo la pausa per la Coppa Italia, in tempo per la trasferta a Cantù. Per sostituirli scalpitano due giovanissimi: lo schiacciatore Sorrenti ed il Centrale abruzzese Berardi che si sono messi in luce per la loro bravura ed il loro sangue freddo nell’ultima sfida casalinga. L’unico precedente tra le due formazioni è proprio la gara di Andata. Questo il programma completo della VI giornata di ritorno nel Girone Blu della Serie A2 Credem Banca:

Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania – Olimpia Bergamo

Elio Messaggerie Catania – Sieco Service Impavida Ortona

Gioiella Gioia Del Colle – Pool Libertas Cantù

Videx Grottazzolina – Materdomini Castellana Grotte

Tipiesse Cisano Bergamasco – Tinet Gori Wines Prata

Club Italia Crai Roma – BAM Acqua S.Bernardo Cuneo

Pag Taviano – Gas Sales Piacenza.

Classifica: Piacenza 46, Bergamo 45, ORTONA 36, Grottazzolina 33, Cantù 32, Castellana Grotte 31, Catania 30, Gioia Del Colle 26, Club Italia Roma 25, Prata 19, Cuneo 17, Taviano 16, Cisano Bergamasco 12, Tuscania 7.

SIECO: Tre punti pesanti contro Gioia Del Colle

Posted By Ufficio Stampa On In Serie A2 | No Comments

La SIECO Service Impavida Ortona vince contro la Gioiella Gioia Del Colle ed approfitta del mezzo scivolone della Videx Grottazzolina che a Prata riesce a prendere solo un punto. Gara molto equilibrata quella tra gli abruzzesi di Nunzio Lanci ed i pugliesi di Sandro Passaro. Alla fine ha vinto chi è riuscita a mantenere più a lungo il fuoco sull’incontro. Ma se da un lato spiccano i numeri di Fiscon, autentico “Terminator” dai nove metri (18 servizi, 5 aces ed un solo errore per lui), non si può dire lo stesso, per il resto della squadra. Sono stati 17 gli errori al servizio dei quali 7 commessi da Marks, che però si fa perdonare con i suoi 26 punti a fine gara. Dopo il primo set giocato punto su punto, nel secondo set si registra una flessione nel gioco dei padroni di casa. Cala l’attenzione in difesa e di conseguenza le ricostruzioni di gioco. Gli avversari ne approfittano continuando a macinare un gioco che gli Impavidi non riescono a contrastare. Riprende vigore il gioco Bianco Azzurro nel terzo set. Crescono le bande, il muro comincia a rispondere presente così come il reparto arretrato, pronto a servire su un piatto d’argento la palla sulle mani di Andrea Lanci che la smisterà poi alle bocche da fuoco. Da registrare l’infortunio subito da Michele Simoni che cade male da un muro e si procura una brutta distorsione alla caviglia. Il dolore è molto ma per avere informazioni dettagliate ci sarà da aspettare gli esami della prossima settimana. Pronto a sostituire il centralone ortonese c’è Simone Berardi che rompe subito il ghiaccio schiacciando a terra un ghiotto invito di Andrea Lanci. Parte forte la SIECO nel quarto set ma il solito calo di concentrazione fa si che gli avversari recuperino punti su punti. Nel rush finale Gioia Del Colle è addirittura avanti di due punti e le basterebbe amministrare il break per andare al quinto set. I pugliesi però non hanno fatto i conti con Berardi. La matricola terribile regala prima un ace ai suoi e poi il punto del sorpasso. A questo punto il palasport è una vera bolgia ed il sestetto ortonese, trascinato dal tifo di casa, si fa insuperabile. Fiscon mette a terra ancora un ace e Ogurčák quasi buca il pavimento per ribadire che la gara è terminata. Domenica prossima ancora una sfida difficilissima per la SIECO che dovrà affrontare una lunga trasferta a Catania. Sebbene non sia una match da “dentro o fuori” certamente raccogliere qualche punto in terra sicula vorrebbe dire affrontare il resto del campionato con più tranquillità e sicurezza nei propri mezzi. Domenica 3 febbraio alle ore 18.00 Elios Messaggerie Catania – Sieco Service Impavida Ortona.

PRIMO SET. Non ce la fa Dolfo per i padroni di casa che scendono in campo dunque con la solita diagonale Lanci / Marks. I centrali schierati sono Simoni e Menicali mentre gli schiacciatori saranno Ogurčák e Sorrenti. Libero Toscani. I pugliesi cercheranno gloria con Kindgard al palleggio e Prolingheuer opposto. I centrali sono Sighinolfi ed Usai mentre in posto 4 Radziuk e Margutti. Frigo Libero.

La prima palla del match è nelle mani di Radziuk ma per un errore in fase di ricostruzione dello stesso, il primo punto è impavido. Astuta mossa di Sorrenti che fa rimbalzare il suo attacco sul muro e poi sull’asta 4-2. Out l’attacco al centro di Menicali 6-6. In difficoltà la ricezione dei locali sul servizio di Radziuk ed ospiti per la prima volta in vantaggio 8-9. Out il muro ortonese 11-11. Fischiata una doppia al palleggiatore ospite la Sieco di nuovo al break 13-11. Ace fortunoso di Fiscon che aiutato dal nastro della rete fa punto 14-11. Chiesto un controllo sul servizio di Simoni che l’arbitro aveva battezzato, a ragione, fuori: 15-13. Recupero completato, gli ospiti pareggiano e poi superano i locali 15-16 e Lanci ferma il gioco. La giocata di prima di Andrea Lanci tiene i suoi in scia 16-17. Marks murato fuori 18-18. Ancora un punto dell’opposto ortonese, la Sieco al doppio vantaggio 20-18. L’Ace di Ogurčák vale invece il 21 punto. Il 23esimo punto di Marks è una magia, gioca una palla difficile contro il muro che spedisce fuori. Una invasione ingenua regala il primo set point agli abruzzesi che chiudono subito grazie ad un fallo di doppia fischiato a Kindgard. Gioia inganna tutti con una pipe vincente e si appresta a vincere il set 20-24. Finisce fuori il muro di Simoni e la gara torna in equilibrio 20-25.

SECONDO SET con gli ospiti che mettono a terra il primo punto. Sulla rete il servizio di Prolingheuer 2-2. Out l’attacco di Marks 2-3. Buona l’intesa Lanci/Simoni 6-5. Errore di Ogurčák in ricezione, punto agli ospiti 6-6. Muro per Simoni 8-9. Out Marks e pugliesi avanti di tre 8-11. Menicali fermato a muro, Gioia prende il largo 9-13. Il Video-Check regala il punto del 10-16 alla Gioiella. Ace di Marks 13-17. Errore di Marks che valuta male la forza del suo pallonetto 14-20. Errore al servizio anche per il Capitano 14-21. Simoni tiene a galla i suoi con un muro vincente che vale il 18-23. Non riesce la rimonda ai ragazzi di Coach Lanci che devono arrendersi a Gioia: 20-25.

TERZO SET. La gara riparte con il primo break della SIECO 2-0. La partenza fulmine della SIECO costringe Mister Passaro a chiamare subito tempo 4-1. Bravissimo come sempre Fiscon nel suo turno al servizio, Ace per lui 6-2. Murato Ogurčák, 6-4. Ancora un errore in fase di ricezione risulta fatale per gli impavidi 7-6. Errore di Ogurčák in attacco e gli ospiti agguantano il pareggio 7-7. Direttamente fuori l’attacco di Radziuk ma i pugliesi vogliono il check comunque 10-8. Potente l’attacco di Prolingheuer 11-10. Dopo tre tentativi consecutivi il muro ortonese va a segno 13-11. Riesce stavolta la ricostruzione alla Sieco, Marks finalizza il 15-12 e con esso arriva il secondo time-out per Gioia. Ancora buona la ricostruzione ortonese ed è sempre il solito Marks a metterla a terra 17-12. Micidiale Fiscon al servizio. La difesa di gioia va in seria difficoltà e la SIECO può mettere a segno il 18-12. Simoni cade male dal muro e si fa male al ginocchio, toccherà a Berardi entrare in campo. Appena entrato subito punto per lui, servito ottimamente da Lanci Berardi sigla il 19-13. Andrea Lanci la mette insidiosa, la ricezione non è perfetta murarla per Ogurčák è un gioco da ragazzi. Termina il secondo set 25-15.

QUARTO SET. Che inizia con Ogurčák al servizio ma il primo punto è ospite con Sighinolfi 0-1. Errore per Marks che colpisce malamente 1-3. Errore in ricezione per Sorgenti 3-5. Il muro della Sieco tocca e la palla rimbalza fuori 4-7. Marks murato fuori, la Sieco si avvicina 6-7. Il muro di Berardi ed il punto del 8-8. Nuovo break ospite, Toscani battezza fuori una palla che invece cade sulla linea 8-10. Buona la sette messa in scena tra Lanci e Menicali 11-12. Due ace di fila per Fiscon 13-12 e Passaro chiama tempo. Out la Pipe degli ospiti e punteggio sempre in parità 14-14. Marks inganna tutti, finta una bomba e va di pallonetto. Il muro la spinge fuori 15-14. Punge Radziuk ed il vantaggio ora è per Gioia 16-17. Stoppato Marks e sulla ricostruzione arriva il doppio vantaggio pugliese 17-19. Ace per Berardi 20-19. La Sieco manca la copertura su un muro ospite ed è 20-21. Berardi per il contro-sorpasso 22-21. Fuori il servizio di Radziuk 23-22. Ennesimo ace per Fiscon 24-22. Errore di Menicali che si improvvisa, malamente, palleggiatore e ospiti che si portano sul 24-23. La bomba di Ogurčák manda tutti sotto le docce, sono tre punti importantissimi quelli conquistati questa sera. 25-23.

Berardi: «Non è stato il mio vero e proprio esordio in A2 ma per la prima volta ho avuto modo di giocare una fetta importante di gara. Mi dispiace per l’infortunio occorso a Michele Simoni ma sono contento di essere stato pronto a dare una mano alla squadra. Ottima vittoria contro una squadra che attacca forte e spesse volte sopra il muro».

Fiscon: «La gara era tosta ma era fondamentale vincere soprattutto alla luce degli altri risultati. Abbiamo giocato alla pari, siamo stati bravi a sopperire all’infortunio di Simoni, atleta esperto e carismatico. Sono spesso chiamato al servizio e ogni volta cerco di dare il massimo tirando a tutto braccio e questa sera è andata particolarmente bene anche grazie alla spinta del pubblico che mi ha incitato ogni volta che ero pronto dalla linea dei nove metri»

Nunzio Lanci: «Bravi i ragazzi a reagire nei momenti di difficoltà. La squadra sta dimostrando la volontà di voler raggiungere l’obiettivo a tutti i costi. Fiscon ha disputato una prestazione perfetta con un solo errore e cinque aces. Sono numeri importanti, grossi meriti a lui. Bravo Simone Berardi entrando a freddo e gestendo al meglio l’impatto emozionale, cifre importanti anche per lui nel tabellino delle statistiche. Questo vuol dire che finalmente durante gli allenamenti si lavora bene e che tutti sono pronti a scendere in campo quando la situazione lo richiede».

Sieco Impavida Ortona – Gioiella Gioia Del Colle 3 -1 (25-20 / 20-25/ 25-15/ 25-23)

SIECO Service Impavida Ortona: De Waard n.e, Simoni 6, Pesare (L), Berardi 5, Toscani (L), Sitti n.e., Sorrenti 11, Lanci A. 1, Marks 26, Fiscon 5, Ogurčák 12, Menicali 4. Allenatore: Lanci N.

GIOIELLA Gioia Del Colle: Radziuk 14, Margutti, Marcovecchio 3, Scrollavezza, Sideri 16, Prolingheuer 8, Kindgrad 4, Frigo, Catena n.e, Meringolo n.e., Marchetti, Usai 5, Sighinolfi 8. Allenatore: Passaro

Durata Set: I (24’), II (21’), III (23’), IV (27’)Durata Totale:  1h 35’Aces: Ortona 8 – Gioia Del Colle 3
Errori Al Servizio:  Ortona 17 – Gioia Del Colle 13Muri Punto: Ortona 10 – Gioia Del Colle 8Arbitri dell’Incontro: Turtù Marco (AP) e Talento Matteo (SA)
Classifica: Piacenza 46, Bergamo 45, ORTONA 36, Grottazzolina 33, Cantù 32, Castellana Grotte 31, Catania 30, Gioia Del Colle 26, Club Italia Roma 25, Prata 19, Cuneo 17, Taviano 16, Cisano Bergamasco 12, Tuscania 7.

*Bergamo e Gioia Del Colle Una Gara in Meno.

Contro Gioia per rimanere in alto

Posted By Ufficio Stampa On In Serie A2 | No Comments

Torna a giocare tra le mura amiche la SIECO Service Impavida Ortona che dopo aver sconfitto in trasferta il fanalino di coda Tuscania, ospita la Gioiella Gioia Del Colle.
I pugliesi arriveranno ad Ortona con il coltello tra i denti, determinati a tornare alla vittoria dopo le sconfitte con Piacenza e Prata. All’andata i ragazzi di Coach Nunzio Lanci, come oggi orfani di Ludovico Dolfo, uscirono dal palasport di Gioia con le ossa rotte perdendo la sfida per tre set ad uno. Da allora, tuttavia, è passata molta acqua sotto ai ponti. Erano i primi giorni di novembre e la SIECO languiva nelle zone basse della classifica con soli quattro punti mentre i pugliesi erano terzi con dodici. Poco più di due mesi dopo, al terzo posto c’è invece proprio la SIECO con i suoi trentatré punti mentre gli avversari ne hanno ventisei e sono ottavi ma con una gara in meno.
Prosegue intanto il recupero di Ludovico Dolfo dopo lo sfortunato infortunio-fotocopia alla caviglia. Lo schiacciatore sta bruciando le tappe e si spera di rivederlo in campo già a Cantù, dopo la pausa per la Coppa Italia.
Mariano Costa, vice allenatore e preparatore atletico della Sieco: «Anche se da inseguitori ci siamo trasformati in inseguiti la musica non cambia. Dobbiamo cercare di vincerne il più possibile ma questa volta per mantenere la posizione conquistata con tanta fatica. Insomma, dopo aver dimostrato il nostro valore scalando la classifica, adesso ci tocca confermarlo rimanendo nelle zone alte. È un momento favorevole, veniamo da una vittoria seppur sofferta con Tuscania ma questo ci dimostra che adesso reagiamo meglio nei momenti di difficoltà e che siamo in grado anche di venirne fuori. Gioia del Colle è un avversario complicato, sarà certamente dura giocare contro di loro. D’altro canto però abbiamo le giuste motivazioni a far bene, vincere domenica sarebbe un ulteriore passo per rimanere entro le prime quattro posizioni e questo deve essere senz’altro uno sprono importante a farci entrare in campo con la giusta determinazione». Orario previsto per l’inizio della gara domenica alle ore 18.00 presso il Palasport di Ortona.


Questo il programma completo della V giornata di ritorno nel Girone BLU del Campionato Nazionale Credem Banca:
Pool Libertas Cantù – Maury’s Italiana Ass. Tuscania
Tinet Gori Wines Prata – Videx Grottazzolina
Sieco Service Ortona – Gioiella Gioia Del Colle
Materdomini Castellana Grotte – Club Italia Crai Roma
Gas Sales Piacenza – Tipiesse Cisano Bergamasco
BAM Acqua San Benedetto Cuneo – Pag Taviano
Olimpia Bergamo – Elios Messaggerie Catania
Classifica: Bergamo 43, Piacenza 43, ORTONA 33, Grottazzolina 32, Cantù 29, Catania 29, Castellana Grotte 28, Gioia Del Colle 26, Club Italia Roma 25, Prata 17, Taviano 16, Cuneo 14, Cisano 12, Tuscania 7.

*Bergamo e Gioia Del Colle UNA GARA IN MENO

SEMAFORO ROSSO PER LA VOLLEY JUNIOR

Posted By Ufficio Stampa On In Serie C - Volley Junior | No Comments

Escono sconfitte per tre set a zero le Ragazze Impavide dalla semifinale di Coppa Abruzzo contro la Twice Cream Lanciano.

Non è serata per le ragazze di Coach Menè che registrano, dopo tante gare al top, una flessione nella qualità di gioco. Ha dunque vita facile il sestetto lancianese della Twice Cream che con il minimo sforzo ottiene il massimo risultato e stacca il biglietto per la finale di domenica 27 gennaio che si giocherà a L’Aquila.

«Non siamo riuscite purtroppo a gestire al meglio alcune situazioni tattiche» è l’amaro commento di Pina Menè al termine della gara. «Abbiamo sofferto in ricezione contro una squadra determinata che ha espresso una bella pallavolo. Dispiace per il risultato. Siamo consapevoli che abbiamo tanto da lavorare. A settembre nessuno avrebbe mai pensato che una neo-promossa come noi potesse ambire ad una semifinale di Coppa Abruzzo e invece eccoci. Tutto sommato non siamo così male. Dobbiamo fare tesoro di questa esperienza e continuare a lavorare per migliorarci ulteriormente»

Volley Junior Ortona – Twice Cream Lanciano 0-3
(24/26 – 23/25 – 19/25)